Il vizio dell’amore

… ovvero Irene Grandi live (Milano, 19 novembre 2007)

73164a5d3476d73ecc167102e18f036d.jpg

… che cosa misteriosa il talento… ma il mistero più grande è scoprire che talento si ha…

E se si sa già qual è il proprio talento, ma non lo si è mai messo a frutto? Quando sai che ormai è troppo tardi? Si può solo provare una sana invidia per chi invece ci è riuscito, per chi se lo merita… Ieri sera in quel teatro avrei voluto esserci io su quel palco, ma non avrei saputo fare altrettanto bene; non avrei saputo provocare quelle emozioni; non mi sarei divertita così tanto… E cosa c’è di più riuscito di una fine spettacolo con centinaia di persone in piedi che applaudono solo te, di una grintosa toscanaccia che urla “Sonooo feliiiceeeee”!

… e perché no… vivo in vacanza da una vita…

Così dovrebbe essere il frutto di un lavoro, così dovrebbe essere il gruppo di lavoro, affiatati, tutti insieme per lo stesso obiettivo, spontanei, e tutti con lo stesso amore per l’arte, la musica, lo spettacolo… Sperimentare, maturare, cambiare, sbagliare e riprovare, ma alla fine… sei la stessa Irene di sempre!

…dammi un pizzico, dammi un morso… dimmi che un sogno non è…

Il mio sogno è e sarà quello che tu hai vissuto ieri su quel palco, quello che vivrai stasera in un altro teatro, quello che faticosamente ma gioiosamente stai portando avanti da tanti anni, quello che dà speranza e ispirazione a tanti altri.

… come ti voglio beeneeeee!

Grazie Irene per l’emozione che mi hai fatto provare ieri sera, perché mantieni vivo il mio sogno anche se non si potrà mai realizzare, perché è bello sperare che la vita non finisca mai e che ci sia sempre un’opportunità, non si sa come né quando, ma che importanza ha? Se il sogno non si avvera, vuol dire che posso continuare a sognare all’infinito… e oltre al vizio dell’amore avrò anche il vizio di sognare…

 

… non amo le cose da grandi… non fanno per me…

Il vizio dell’amoreultima modifica: 2007-11-20T19:09:12+01:00da leyla_33
Reposta per primo quest’articolo